CONDIVIDI

La strepitosa stagione di Damiano De Tommaso nell’intervista di Motorsport FVG

Una stagione di quelle che non si dimenticano facilmente. Sarà così, di certo, il 2018 per Damiano De Tommaso. La vittoria del Campionato Italiano Rally Junior e Due Ruote Motrici con la Peugeot 208 R2B ufficiale di Peugeot Sport Italia, il gradino più alto al Rally del Palladio a bordo della 208 R5 e, per chiudere in bellezza, indiscusso protagonisti al Monza Rally Show. La kermesse brianzola, infatti, ha visto De Tommaso primeggiare nella classe R2B, questa volta sulla 208 di Munaretto, sia nella classifica del Rally che nella finale del Master Show. Un grande risultato, che conclude nel migliore dei modi il 2018 e che conferma una volta di più le doti ed il talento del ventitreenne pilota varesino.

Un tuo bilancio complessivo della stagione

Abbiamo portato a casa una serie di risultati molto buoni e mi sento di essere cresciuto ancora nella tecnica, soprattuto perché quest’anno la Peugeot Italia mi ha regalato questa bellissima stagione e mi ha permesso di stare concentrato sulla guida senza dovermi preoccupare di altro. Penso che meglio di così non potesse andare! Oltretutto, abbiamo vintro entrambe le gare extra con la Peugeot 208 R5 del team Munaretto, concludendo a Monza con due bellissime vittorie sia nel Rally che al Master Show. Aggiungiamoci la premiazioni ai Caschi d’Oro….direi che il 2018 è stato più che positivo.

Monza è sempre Monza. Un rally fuori dagli schemi che sa regalare grandi emozioni.

Monza regala sempre tante emozioni perché è una gara speciale, con prove notturne, con tanto traffico e con il pubblico delle grandi occasioni. Quindi è sempre bellissimo esserci. Ci siamo divertiti tantissimo e siamo arrivati fino al Master. Ringrazio il team Munaretto e tutti gli sponsor per averci dato questa possibilità.

È certamente presto, ma quali progetti ti auspichi per il 2019?

Al momento ho solo tante idee, ma nessuna ancora concreta. Io conto sempre, per lo meno mi illudo sempre, di poter ritornare nell’ambito mondiale. È una cosa molto difficile perché, con i tempi che corrono, non siamo supportati tantissimo dalla federazione. E anche se so che loro ci credono, si fa fatica ad andare avanti. Ma io ci credo ancora…quindi speriamo di poter ritornare nel mondiale o, comunque, di costruire un programma in Italia che sia di livello. 

Ringraziamenti?

In ordine di tempo, ringrazio la Peugeot Italia che mi ha regalato una stagione magnifica: sono veramente, veramente contento di aver conosciuto delle persone fantastiche con cui mi sono sentito come fossi in famiglia. Pur senza conoscerci prima, si è instaurato veramente un bel rapporto. Non smetterò mai di ringraziare il team Munaretto, che mi ha permesso di arrivare, grazie alla vittoria del Trofeo Peugeot dello scorso anno, in Peugeot Italia e sono convinto che, senza di loro, non sarei arrivato fin qua. Per ultimo ci tengo a ringraziare sicuramente Pirelli che ci supporta da sempre, e gli sponsor di Munaretto, Danfer, Laser Industries, NCA WEB ed APA S.p.a. che ci hanno dato una mano per correre nelle gare extra programma. 

Intervista di Aris Prodani stampa@motorsportfvg.it