CONDIVIDI

Dopo una pausa “forzata”, dovuta alla nascita di Gioele, Maurizio Finati e Martina Codotto sono ritornati allo start di una P.S. E, abbandonata la 124 a bordo della quale nelle ultime stagioni sono stati tra i principali protagonisti del Campionato Italiano Rally Storici, il 33° Rally Piancavallo ha visto salire Maurizio e Martina sul gradino più alto dello “storico” a bordo di una Lancia 037. Ecco le impressioni del pilota dopo l’appuntamento maniaghese.

Terminata la pausa “sabbatica”, nuovamente a bordo.

Rieccoci qui, a riallacciare le cinture!
Una passione fermatasi nel novembre 2017 per iniziare e dedicarci ad una nuova avventura: quella “gara” vera che ti riempie la vita di vita… e adesso che il piccolo Gioele ci concede qualche ora di sonno qua e là, ci siamo detti che forse, per non perdere del tutto il contatto con le emozioni che si vivono nell’abitacolo, sarebbe stato il momento di ricominciare a correre o per lo meno a provarci!
E così dando una scorsa al calendario gare 2019 ci siamo detti: perchè non ricominciare da dove nel 2017 avevamo finito?!?

..quindi l’irrinunciabile Piancavallo.

La gara è una “classica”, resa sempre insidiosa e diffice per le incerte e mutevoli condizioni climatiche.
E quindi dopo un test al Valsugana, che si è rivelato indispensabile per capire di quali prime cure necessitasse la nuova arrivata, ci siamo iscritti al 33^ Piancavallo, con l’obbiettivo di arrivare e non fare troppi danni!

Il risultato finale vi ha decisamente premiato.

Con ancora una volta il 2 sulle fiancate (in realtà 102 poichè partivamo dietro l’internazionale moderno) siamo partiti.
Buone le sensazioni sulla Poffabro anche se il bagnato e lo “sporco” con questa macchina erano per noi una novità ! Sulla ps “Pian delle more” abbiamo cominciato a divertirci e a rilassarci … e così abbiamo incominciato a ritrovarci! Il secondo giorno la bellissima Pielungo ha saputo regalarci la certezza che… si … con questa macchina possiamo fare di certo qualcosa di buono,

La 037 una vettura che, senza dubbio, ha un fascino fuori dal comune.

Portare un’auto così è d’avvero una grande emozione ed un grande privilegio!!! Pensare alle tante emozioni che ha saputo regalare al mondo con piloti del calibro di Alen, Bettega,  Rhorl, Toivonen!  Che dire, un sogno che si avvera!!! Arrivare alla fine sul gradino più alto è stato davvero un regalo straordinario!

Intervista di Aris Prodani stampa@motorsportfvg.it