CONDIVIDI

Un primo rinvio a data da destinarsi. Poi, proprio a pochi attimi dalla scadenza dei termini previsti dalla Federazione, non è restato altro che prendere la decisione più difficile. Ed è così che gli organizzatori del Rally Valli della Carnia hanno comunicato il definitivo rinvio al 2021 della settima edizione della kernesse di Ampezzo. Ecco le parole di Matteo Bearzi, patron storico del Carnia Pistons.

Avete aspettato fino all’ultimo momento disponibile prima di alzare bandiera bianca

Si abbiamo aspettato fino all’ultimo minuto per mandare quella fatidica mail a Roma. Però non abbiamo potuto fare altro. I vincoli organizzativi per le manifestazioni sportive imposti dal Governo alla data del 28/05 erano e sono impossibili da rispettare: il diktat delle autorità è Rally a porte chiuse, senza pubblico nè in prova speciale nè in piazza, organizzare un’area recintata per assistenza, riordini, refulig ecc dove far entrare massimo 4 persone per equipaggio. Questo non è il rally che vogliamo.

Oltre alla difficoltà autorizzative e gestionali,  ne avrebbe di certo perso  quell’atmosfera che ha sempre caratterizzato il rally di Ampezzo.

Certamente. Noi organizziamo un evento non una pura corsa automobilistica. Noi vogliamo che i nostri equipaggi siano coccolati dal pubblico, vogliamo che ci siano 3 giorni di festa in tutta la Carnia, vogliamo dare visibilità al nostro territorio e senza pubblico questo non può esserci. E credo che anche chi viene a correre al nostro rally viene anche per tutto quello che c’è a contorno della gara.

Una data gia ipotizzata, per il 2021. La crescita del Valli della Carnia non si ferma.

La data ipotizzata per l’edizione 2021 è il 3/4 Luglio  ma siamo disposti a cambiarla se ci verrà offerta l’occasione di entrare in un campionato superiore. In sei edizioni siamo partiti da zero e siamo cresciti fino ad ottenere nel 2019 il premio come miglio gara della 4°Zona. Questo è motivo di vanto e di orgoglio e ci spinge ad osare sempre di più. Siamo un gruppo ambizioso e anche per questo abbiamo deciso di rinviare tutto al 2021 per preparare una edizione al alti livelli con grosse novità.

Intervista di Aris Prodani

stampa@motorsportfvg.it